News by RCmedia

software di impaginazione gratis o quasi, canva, office, pages, Scribus, word, Lucidpress, Joomag

PROGRAMMI D’IMPAGINAZIONE, GRATIS O QUASI

Vorresti impaginare un romanzo, una tesi o più semplicemente il tuo CV ma non sai da dove cominciare?
Stai cercando un programma di impaginazione semplice per realizzare poster, brochure, immagini e adv per i social?

Negli ultimi anni l’offerta di software d’impaginazione alternativi ad InDesign è esplosa: sempre più spesso è necessario produrre velocemente materiali e grafiche impaginate: immagini, brochure, adv per Facebook o Instagram, banner per sito web.

Perché non utilizzare un programma gratis che riesca comunque a dare un tocco estetico decisamente professionale?

L’impaginazione grafica, un tempo complicata e riservata solo a professionisti, è ora alla portata di tutti (o quasi) anche grazie a software open source e/o programmi online molto intuitivi che permettono di dare spazio alla propria creatività con pochi click.

Puoi partire da modelli con modelli / gabbie prestabilite e aggiungere click dopo click i diversi elementi che servono per comporre la tua pagina: foto, testo, icone e illustrazioni … così otterrai i tuoi libri, volantini, cartoline, menu, biglietti d’auguri, ma anche prodotti digitali come newsletter e magazine online.

Ecco un elenco di ottimi programmi di impaginazione, facili da usare gratis o a pochi euro in alternativa a  InDesign o QuarkXpress.


Microsoft Word

A volte non bisogna guardare troppo lontano per trovare i programmi di impaginazione di cui si ha bisogno: un software per impaginare ce lo abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni: Microsoft Word o Pages se usate MAC.
Tra i vari modelli proposti dai due software ci sono quasi tutte le più comuni pubblicazioni come poster, segnalibricalendari, brochureCV… che si possono personalizzare come meglio si crede.
Con entrambi i programmi potrete impostare il formato pagina, scegliere tra le centinaia di font disponibili (o aggiungerne di nuovi come da dafont.com), scegliere i colori, importare e modificare immagini, numerare le pagine, giustificare il testo, usare le colonne, inserire grafici e tabelle, far correre il testo attorno alle foto, correttore ortografico, salvataggio in PDF etc.


 Scribus

Puoi trovarlo sul sito Scribus.net. Anche se l’interfaccia è un po’ datata una volta superate le perplessità iniziali si scopre un potente software di impaginazione grafica open source, gratis, multipiattaforma con il quale produrre pubblicazioni di livello commerciale. Teoricamente l’obiettivo del software è rendere accessibile anche ai principianti l’impaginazione grafica consentendo allo stesso tempo di accedere alle funzioni più professionali.
Tra i fari strumenti c’è ad esempio la gestione dei colori per una corretta stampa (compreso i colori pantone) e la classica griglia tipografica per un corretto allineamento. Il programma consente di lavorare a partire da documenti nuovi, o da modelli, supporta i livelli / layers, immagini vettoriali, guide e griglie intelligenti per rendere ancora più facile e veloce l’allineamento dei vari elementi, le pagine mastro per l’applicazione ricorsiva di determinati elementi, bordi, numeri pagina. Puoi trovare ulteriori informazioni ed una utilissima su wiki.


 Canva

Se non devi realizzare libri o riviste, ma impaginare velocemente brochure, immagini e adv per Facebook e altri social media, il tuo cv o una lettera, Canva è il programma giusto che fa per te. Questo facile programma online di impaginazione e grafica si è subito affermato grazie alla sua estrema intuitività e alla possibilità di utilizzarlo senza dover installare niente sul proprio computer. Una volta eseguita la registrazione gratuitamente, si avranno a disposizione numerosissimi modelli e con preset con dimensioni già pronte per creare ogni sorta di prodotto grafico: immagini per Facebook, poster, volantini, layout per blog, biglietti da visita, banner pubblicitari, cv etc. I vari elemento si potranno spostare e ricollocare nella posizione giusta grazie al semplice ed intuitivo drag&drop.
Come gli altri programmi si potranno creare combinazioni di font, colore e logo, etc ed organizzare il lavoro in team (fino a 10 per la versione gratuita del software) per velocizzare la condivisione delle proprie grafiche.


Joomag

Per chi vuole realizzare, impaginare e pubblicare un magazine online, un book fotografico, una rivista aziendale, un catalogo di prodotti… Joomag è un programma di impaginazione online giusto.
Anche in questo software si hanno a disposizione moltissimi modelli grafici da personalizzare ma puoi anche iniziare direttamente da un pdf.
La versione free consente di creare e pubblicare solamente online il proprio catalogo o magazine aziendale (comodamente raggiungibile attraverso un link), mentre la versioni a pagamento (a partire da 9 dollari al mese), più avanzata consente di scaricare il pdf, vendere la propria propria pubblicazione (attraverso l’apposita messa a disposizione dal sito), impostare un layout grafico specifico per il proprio brand.


Lucidpress

Per quanto riguarda i programmi disponibili direttamente online (non devi installare nulla ma, lo usi direttamente online sul tuo browser) Lucidpress è utilissimo per creare in modo estremamente semplice e veloce contenuti pubblicitari ed editoriali …per poco meno di 6 euro/mese.
Registrandosi si accede a ben oltre 250 modelli dalle quali potrai partire a modificare creare le tue pubblicazioni anche grazie ad una serie di funzioni e tools che non hanno nulla da invidiare a software come Indesign.
Grazie al drag&drop e ad un’interfaccia grafica completa ed intuitiva si è subito operativi: sarà semplice gestire formati, stili del testo, posizionamento delle immagini, l’uso di livelli e delle trasparenze per creare effetti grafici professionali, gestire di file audio e/o video, collegamenti / hyperlink, importazioni da social com Facebook, Dropbox, Flickr etc … il tutto per creare perfetti documenti multimediali.


Sicuramente verranno sviluppati molti altri programmi con nuove funzionalità ma per per il momento direi che c’e’ un ottima base di partenza per dare spazio alla propria fantasia ed incominciare a creare.

 

Fonte: PixArtPrinting

google-places-geolocalizzazione - google - rc media - rcmedia.it

geolocalizzazione e visibilità per PMI

farsi trovare in Rete, interagire con gli utenti e potenziare il business: ecco a cosa serve essere geolocalizzati.

La ricerca web geolocalizzata rappresenta una risorsa per le imprese che vogliono potenziare la propria  visibilità su Internet e incrementare le opportunità di business: il motore di Google, ad esempio, a questo scopo mette a disposizione le Pagine locali (Google Local) che consentono agli utenti di visualizzare la posizione fisica dell’impresa, oltre alla funzione Google My Business per creare schede informative personalizzate.

google - rc media - rcmedia.it

Google + Local

Strumento di Google Plus, le pagine locali sfruttano la geolocalizzazione rendendo visibili la mappa e le informazioni sull’impresa, consentendo la condivisione di risorse con le proprie cerchie e raccogliendo commenti e giudizi in ottica social. Le recensioni dei luoghi pubblicate dai membri della propria cerchia possono essere visualizzate su Google +, su Maps e attraverso la Ricerca.

Google My Business

La piattaforma Google My Business è gratuita e permette alle imprese di creare una pagina informativa da collegare al sito web aziendale ottimizzandola con parole chiave efficaci. La scheda personalizzata autorizza l’inserimento di orari di apertura e contatti telefonici, offrendo anche la possibilità di ottenere recensioni dei prodotti e dei servizi offerti.

Pigeon by Google

L’algoritmo “Google Pigeon” è relativo alla ricerca locale ma non è ancora chiaro se abbia impattato anche la search in Italia.

Ottimizzazione sito web

Le imprese devono garantire una  presenza online solida e affidabile e possono migliorare il posizionamento in rete ottimizzando il proprio sito web con keywords geolocalizzate. Il portale aziendale (sito vetrina o piattaforma dinamica) deve contenere indicazioni precise sulla località dell’attività, un obiettivo che si ottiene utilizzando la pagina dei contatti per inserire indirizzo e mappa interattiva.

 

Tripadvisor e Yelp

Le imprese possono anche avvalersi di servizi come Tripadvisor (contiene recensioni di hotel, ristoranti e viaggi condivise dagli utenti) e Yelp (raccoglie opinioni e consigli su ristoranti, shopping, vita notturna, servizi di vario genere). La presenza su queste piattaforme permette di attirare pubblico, migliorare le relazioni con la clientela e interagire con gli utenti.

yourfinder.it - Your Finder - ricercha quello che ti serve attorno a te - mondo nautica

Your Finder

Proprio in base a tutto quanto detto sopra noi di RC Media crediamo che sia essenziale l’indicizzazione sui vari motori di ricerca e/o portali … ma non sufficiente: a cosa serve comparire per primi o avere miglioni e miglioni di visitatori se l’audience raccolta non e’ interessa a noi?
Se io fossi un elettricista specializzato in ricerca guasti su Yacht mi interesserebbe di piu’ farmi trovare da poche centinaia di cyber navigatori che hanno l’imbarcazione vicino alla mia sede … che ricevere migliaia di visite da armatori che hanno l’imarcazione dall’altra parte d’Italia o del mondo.
Per questo motivo stiamo implementanto Your Finder, un portale web responsivo (ancora in fase Beta) dedicato alla mondo della nautica ovviamente opzioni per la geolocalizzazione.
La domanda potrebbe sorgere spontanea: ma se esistono gia’ tutti i servizi sopra citati e molti altri non menzionati perche’ c’e’ bisogno di Your Finder ?

Beh, allora potremmo chiederci perche’ Tripadvisor o Booking hanno raccolto un cosi’ ampio successo. La risposta e’ alquanto semplice: sono portali web specializzati in un determinato segmento. Ecco perche’ Your Finder: e’ specializzato nel settore della nautica e quindi sono eliminati di default tutti i risultati non appartenti a questo mondo.
Per fare un esempio: se dovessimo ricercare un tappezziere, Your Finder ci fara’ vedere i tappezzieri vicino a noi (perche’ sfruttiamo la geolocalizzazione) ma solo quelli specializzati per il mondo nautico (perche’ quelli tradizionali, per la casa non vengono caricati). Provate con la ricerca tradizionale.

Prova il servizo offerto da Your Finder ma non dimenticare che e’ ancora in fase Beta, quindi, se vuoi, hai l’occasione per migliorare il sevizio che Your Finder offre ai tuoi potenziali clienti: ci puoi scrivere a info@yourfinder.it o chiamare al numero verde 800.12.26.40 per inserire la tua attivita’ o suggerirci modifiche e miglioramenti.

 

Fonte: web, Google, PMI

Stampante Glowforge laser 3D

Glowforge e’ una stampante a taglio laser in grado di realizzare qualsiasi forma partendo da un gran numero di materiali.

Pur non trattandosi propriamente di una stampante 3D, almeno non nell’accezione più comune e utilizzata del termine, Glowforge può essere inserita in questa categoria poiché offre ampie possibilità alla community dei maker, permettendo la realizzazione di pressoché qualsiasi oggetto. In realtà il principio di funzionamento su cui si basa il macchinario è più simile a quello degli utensili a taglio laser impiegati in ambito industriale.

Nata da un’idea di Dan Shapiro (ex Google), è attualmente in vendita durante la fase di pre-ordine con prezzi scontati del 50% a partire da 1.995 dollari a cui bisogna aggiungere il costo spedizione di circa 478 dollari ( $ 1.995 + $ 478 = $ 2.473 attualmente pari a € 2.246,53).

Come viene riportato dalla scheda delle specifiche possono essere posizionati materiali di vario tipo, come legno, tessuti, cuoio, carta, linoleum, alcune plastiche (soprattutto acriliche) e addirittura cibo, per ottenere oggetti della forma che si desidera o, in alternativa, per inciderne la superficie in modo decorativo.

Vi consigliamo di leggere la scheda tecnica per avere un elenco dei materiali che si possono tagliare (con uno spessore massimo di 13 mm col vassoi installato e di 38 mm senza):

  • wood = legno
  • fabric = tessuto
  • leather = pelle
  • paper = carta
  • cardboard = cartone
  • plexiglas (acrylic)
  • Delrin (acetal)
  • mylar
  • rubber = gomma
  • cork = sughero
  • sandpaper = carta vetrata
  • foods = cibo
  • …and more = e molto altro

e quelli che si possono incidere:

  • glass = vetro
  • marble = marmo
  • rubber stamps = timbri di gomma
  • stone = pietra
  • ceramic tile = piastrelle di ceramica
  • anodized aluminum = alluminio anotizzzato
  • titanium = titanio
  • corian
  • …and more = e molto altro

Il prototipo realizzato al momento ha un vano interno con dimensioni pari a 500 x 300 mm, sufficientemente grande per soddisfare la maggior parte delle esigenze pur potendo essere posizionato su una normale scrivania: dimensioni esterne della Glowforge.com di circa 965 mm x 527 mm x 210 mm.

Non ci sono display, in quanto il controllo avviene attraverso un software per computer oppure con un’applicazione per smartphone e tablet. Ciò che differenzia Glowforge dalle stampanti 3D tradizionali è dunque il metodo impiegato per ottenere l’oggetto finale: anziché crearlo mediante estrusione di un filamento o con il metodo della stereolitografia, i singoli layer bidimensionali vengono generati ritagliandone il contorno da una superficie piana, per poi essere assemblati manualmente.

Un approccio di questo tipo può essere utilizzato, ad esempio, nell’artigianato tessile, per la personalizzazione degli abiti o degli accessori realizzati, così come dalle attività di ristorazione per confezionare cibi o dolci in modo esteticamente accattivante. Si possono ovviamente anche creare giochi, soprammobili e qualsiasi oggetto riproducibile con un modello 3D.

Per maggiori informazioni vi consigliamo di visitare il sito della Glowforge.com

Se ti interessa vedere il video (in inglese) del prototipo iniziale, come pian piano si e’ evoluto, come funziona etc. eccolo qua:

… e qui sotto ecco un video caricato direttamente da Dan Shapiro (ex Google) inventore di Glowforge.com

I prodotti che si possono creare con il taglio laser sono innumerevoli se non infiniti o limitati solo dalla propria fantasia … lo dimostrano le innumerevoli creazioni / realizzazioni che si possono trovare in giro. Per avere un’idea visita gli innumerevoli siti come cncking.com. La vera rivoluzione di Glowforge.com e’ quella di avere portato sulla nostra scrivania un magico macchinario che prima era disponibile solo ad attivita’ industriali per costi e dimensioni.

Fonti: glowforge.comwebnews.it

 

Skype Translator

L’altro giorno mi sono imbattuto per la prima volta in Skype Translator. Dopo aver letto la descrizione del piu’ famoso Voip e qualche altro articolo di bolgger che seguo … ho pensato che queste informazioni potessero interessare anche a te. Ecco qui un piccolo estratto.

Ora Skype Translator include anche altre due lingue parlate: italiano e mandarino, oltre a 50 lingue per la messaggistica istantanea.

Skype Translator aiuta a comunicare abbattendo le barriere linguistiche e avvicinando le persone.

E’ semplice da usare: basta impostare Skype Translator ed avviare una videochiamata o una chiamata vocale con qualcuno che parla un’altra lingua e iniziare a parlare. Piu’ semplice di cosi !!!

Ecco come funziona, quando utilizzi Translator:

Puoi chiamare quasi tutti quelli che hanno Skype ( il quasi e’ dovuto al fatto che il chiamante deve avere installato il software dell’anteprima di Skype Translator).
La tua conversazione viene tradotta in un’altra lingua quasi in tempo reale.
Ciò che il tuo interlocutore dice viene ritradotto nella tua lingua.
Sullo schermo viene visualizzata una trascrizione della tua chiamata.
Inoltre hai la possibilità di inviare messaggi istantanei in 50 lingue, dall’arabo alla lingua maya yucateca.
L’anteprima è disponibile per Windows 8.1

Skype Translator è un progetto Skype completamente nuovo ed e’ configurato per apprendere e migliorare il modo in cui traduce le chiamate.

In qualità di utente dell’anteprima di Skype Translator, il tuo contributo potrebbe essere decisivo per il perfezionamento di questa tecnologia e il nostro obiettivo di abbattere le barriere linguistiche nel mondo potrebbe essere sempre più vicino.

Anche le conversazioni più brevi aiutano Skype Translator ad apprendere e a crescere, e ciò può arricchire la tua comunicazione con risultati straordinari.

Puoi semplicemente scaricare l’anteprima di Skype Translator da Windows Store cliccando qui.

Come avrai intuito per il momento Skype Translator e’ disponibile solo su piattaforma Windows 8.1, almeno per il momento, ma sono sicuro che il servizio si diffondera rapidamente e presto sara’ distribuito anche per tutte le altre piattaforme.

Fonte articolo: Skype

 

Cookie – adeguamento entro il 2 Giugno 2015

Ciao. Oggi parliamo di adeguamento alla normativa che e’ entrata in vigore l’hanno scorso e chi ci ha dato tempo fino ad oggi (2Giugno2015) per adeguare i nostri siti web.

Si stiamo parlando della direttiva Europea con la quale la Comunita’ impone di avvisare gli utilizzatori dei siti web su che tipo di cookie ci si avvale.

L’Italia si e’ adeguata con una sua normativa che stabilisce anche le sanzioni. Ecco il link alla pagina del Garante della Privacy.

Io prevalentemente uso WordPress e ho risolto il problema creando una pagina dedicata alla Cookie Policy ed installando il plugin Cookie Notice di DFactory.

Per quanto riguarda i contenuti della pagina “Coocki Policy” puoi scopiazzare i contenuti qua e la da altri siti e riadattandoli alle tue esigenze ma io ti consiglio vivamente di chiedere al vostro webmaster e poi di far vedere il tutto ad un legale (e’ difficile trovare un legale specializzato in web o vice versa un web master con competenze legali).

Per quanto riguarda il plugin Cookie Notice lo pui scaricare dal sito di DFactory o da WordPress. Ti posso dire che e’ tradotto in italiano anche se per il momento la traduzione non e’ proprio perfetta e completa e’ molto semplice ed intuitivo. Io ho impiegato 5 minuti per impostarlo.

 

 

In alternativa ti riporto qui sotto un estratto del articolo molto interessante scritto da 

Se usate WordPress, ecco 3 plugin molto semplici da usare, già largamente recensiti, per implementare un banner in sovrimpressione (in alto o in basso) e linkare la pagina di arrivo con l’informativa estesa. Il primo plugin è gratuito, il secondo e il terzo a pagamento, in quanto più completi per coloro che scelgono di adeguarsi alla normativa seguendo la “linea dura” del blocco preventivo dei cookies.

1. Cookie Notice – Creazione di banner e link a informativa

E’ possibile personalizzare:

  • Colore del banner
  • Testo del banner e dei bottoni di chiusura e info
  • Scadenza del cookie (necessario a tenere traccia degli utenti che hanno dato consenso all’uso)
  • Animazione del banner (dissolvenza, slittamento, ecc.)
  • Link di arrivo.

Ovviamente dovrete predisporre nel vostro sito WordPress una pagina di arrivo con l’informativa che illustri l’uso dei cookies fatto dal vostro sito e colleghi tutte le risorse esterne necessarie all’utente per essere correttamente informato.

Il plugin Cookie notice, potete cercarlo dal vostro pannello di admin wp oppure ne potete spulciare le caratteristiche qui. Una volta installato il plugin, lo troverete nelle “impostazioni” del vostro admin WordPress.

2. WeePie- Plugin WordPress per bloccare i cookies 

Se avete intenzione di rispettare in modo rigido la normativa (la discussione a riguardo è ancora in atto, a causa di diverse interpretazioni possibili), e bloccare i cookies prima che vengano scaricati, questo plugin WordPress a pagamento fa per voi.

Permette di non scaricare e far gestire “live” i cookies presenti sul sito, ad esempio resettandoli. Ha implementato il consenso anche tramite scroll della pagina, ed è al momento tra i più completi plugin per WordPress atti allo scopo. Per ottenere il blocco di tutti i cookies di profilazione di terze parti è necessario configurarlo a dovere e intervenire lato codice wrappando le parti da bloccare.

Interfaccia responsive, admin efficiente e rapido da configurare, nonostante le molte funzionalità.

Lo trovate su Code Canyon, cliccando qui.

3. Dynamic Cookie Blocker – Plugin WordPress made in Italy per bloccare i cookies 

Anche questo plugin, made in Italy, viene incontro alle specifiche esigenze della legge sui cookies così come (pare) debba essere interpretata, ovvero: blocco preventivo sui cookies di profilazione.

Oltre ovviamente alla configurazione del banner, permette di taggare le parti di codice per impedirne il caricamento, e presto implementerà la funzione di blocco automatico di <iframe> e <embed>, ovvero di tag usati ad esempio per incorporare video YouTube nei post. I tag verranno sostituiti da un contenuto configurabile.

Per info, cliccate qui

Fonte articolo: NuoviDigitali

LayAr

Layar è la prima applicazione di realtà aumentata disponibile gratuitamente in App Store.

Qualche mese dopo il suo primo lancio su piattaforma Android, Layar è una realtà, gratuita e disponibile in tutto il mondo, anche per i nostri iPhone.

Si tratta dunque della prima applicazione di realtà aumentata disponibile per lo smartphone Apple. I suoi sviluppatori olandesi la definiscono un “reality browser”.

Layar permette di puntare la fotocamera del proprio iPhone come se stessimo per scattare una foto e, ove disponibili (e ce ne saranno sempre di più, dopo il lancio anche su App Store), potrà visualizzare informazioni di ogni tipo sul “pezzo” di realtà che ci circonda, dalle fermate dei mezzi pubblici più vicine a prezzi e recensioni di ristoranti, film in sala e quant’altro.

Anche se si tratta di un’applicazione certamente studiata per sfruttare la bussola virtuale di iPhone 3GS, gli sviluppatori hanno promesso presto l’uscita di una versione adatta anche ad iPhone 3G.

 

 

 

 

 

 

 

 
Fonte: Di Giovanni De Stefano http://bit.ly/1LoY7UH